INFO_BOV_1 e DEMO_BOV_2: Corretta gestione aziendale e valutazione della qualità del seme bovino congelato

OBIETTIVI (mattina)

Fornire informazioni e indicazioni su:

  • metodi di produzione, tecnologie impiegate, caratteristiche e potenzialità del seme congelato convenzionale, sessato e a lento rilascio
  • modalità corrette di conservazione e scongelamento delle dosi
  • possibili danni irreversibili da congelamento, scongelamento ed esposizione a fattori chimici e ambientali
  • scelta della tipologia di seme più idoneo ad ogni azienda
  • costi produttivi, successi delle gravidanze
  • rischi per la salute, legati all’impiego di azoto liquido
  • legge n.30 del 15 gennaio 1991 (ora DM N°52 del 18-05-2018)

OBIETTIVI (pomeriggio)

Esercitazioni di laboratorio per dimostrare e far verificare ai partecipanti:

  • le differenze qualitative tra le diverse tipologie di seme congelato
  • le conseguenze che i diversi errori commessi di routine possono causare a livello di vitalità degli spermatozoi (scorrette pratiche di scongelamento, impiego ritardato del seme dopo lo scongelamento, scongelamento di diverse paillettes contemporaneamente, uso della mezza dose, errata gestione del contenitore dell’azoto liquido)
  • Il grado reale di separazione (rapporto primario) tra spermatozoi portatori dei cromosomi X e Y riscontrabile nelle dosi di seme sessato commercializzate
  • la fertilità del materiale seminale, l’integrità delle membrane, la funzionalità mitocondriale e la struttura della cromatina